Firefox: ottimizzare le prestazioni deframmentando il database, due nuovi metodi


firefox_wallpaper__matrix_by_serdar

In Firefox 3.5 è cambiata la maniera in cui il browser conserva le informazioni relative ai profili. Elementi quali cookie, segnalibri e feed RSS, adesso, vengono infatti conservate in un database SQLite. Un database che, con l’andar del tempo, finisce con il frammentarsi e determinare un calo prestazionale del software.

Due soluzioni al problema , decisamente comode da attuare, le trovate di seguito.

Metodo Manuale

  • Avviare Firefox;
  • Recarsi nel menu Strumenti > Console degli errori;
  • Digitare nel campo di testo situato accanto alla voce Codice la stringa Components.classes["@mozilla.org/browser/nav-history-service;1"].getService(Components.interfaces.nsPIPlacesDatabase).DBConnection.executeSimpleSQL("VACUUM");
  • Cliccare sul pulsante Valuta.

Estensione

Nel caso in cui apparteneste alla sempre più folta popolazione dei geek pigroni, sappiate che esiste un modo molto più facile e veloce per compiere l’operazione appena descritta: la pressione di un pulsante nella barra di stato del browser.
Per ottenerlo, non dovete far altro che installare l’estensione sperimentale Vacuum Places. Sarebbe anche personalizzabile, ma le sue opzioni sono scritte in un idioma dell’Europa orientale che così, su due piedi, non saprei proprio decifrare (non saprei farlo nemmeno se fossi un millepiedi, lo ammetto!).
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: