Rai in streaming, come vedere Rai 1, Rai 2 e Rai 3 su Internet


A volte i comportamenti più tecnologicamente virtuosi arrivano da chi non te lo aspetti. È il caso della Rai, bistrattata televisione di Stato che, nel giro di pochi mesi, è riuscita ad allestire un’offerta Web più che invidiabile. Per gli standard italici.
Dai canali rai streaming al portale Rai.tv contenente interi show e fiction di successo, quello della TV pubblica è uno dei rari esempi di interconnessione decente fra televisione e mondo di Internet presenti nel nostro Paese.
Proprio per questo, oggi abbiamo deciso di “premiare” il gruppo di Viale Mazzini con un post dedicato alla sua vetrina virtuale gratuita. Ecco come godere dei servizi rai streaming nel migliore dei modi:

Metodo classico, via browser

Da un po’ di tempo a questa parte, la Radio Audizioni Italiane mette a disposizione di tutti gli utenti residenti in Italia il servizio rai streaming, grazie al quale guardare su Internet, in diretta, le trasmissioni di tutti i canali televisivi del servizio pubblico.
Tutto quello che serve per visualizzare i canali rai streaming è il pulgin Silverlight di Microsoft, compatibile in maniera più o meno ufficiale con tutti i maggiori browser web. Questi i link ai canali:

// <![CDATA[
function google_ad_request_done(google_ads) {
/*
* This function is required and is used to display
* the ads that are returned from the JavaScript
* request. You should modify the document.write
* commands so that the HTML they write out fits
* with your desired ad layout.
*/
var s = '';
var i;

/*
* Verify that there are actually ads to display.
*/
if (google_ads.length == 0) {
return;
}

/*
* If an image or flash ad is returned, display that ad.
* Otherwise, build a string containing all of the ads and
* then use a document.write() command to print that string.
*/

if (google_ads[0].type == "flash") {

s += '

‘ +
‘ ‘ +
” +
” +
”;

} else if (google_ads[0].type == “image”) {

s += ‘

‘;

} else if (google_ads[0].type == “html”) {

s += google_ads[0].snippet;

} else {

if (google_ads.length == 1) {
/*
* Partners should adjust text sizes
* so ads occupy the majority of ad space.
*/
s += ‘


‘ +
google_ads[0].line1 + ‘
‘ +
google_ads[0].line2 + ‘ 
‘ +
google_ads[0].line3 + ‘
‘ +
google_ads[0].visible_url + ‘

‘;

} else if (google_ads.length > 1) {

s += ‘

‘;

/*
* For text ads, append each ad to the string.
*/

for(i = 0; i < google_ads.length; ++i) {

s += '
‘ +
google_ads[i].line1 + ‘

‘ +
google_ads[i].line2 + ‘ ‘ +
google_ads[i].line3 + ‘ 
‘ +
google_ads[i].visible_url + ‘

‘;

}

}
}

document.write(s);
return;
}

google_ad_client = ‘pub-3847491925495723’; // substitute your client_id (pub-#)
google_ad_channel = ‘9331551239’;
google_ad_output = ‘js’;
google_max_num_ads = ‘4’;
google_ad_type = ‘text_html’;
google_language = ‘it’;
google_image_size = ‘300×250’;
google_ad_region=”test1″;
google_feedback = ‘on’;
google_skip = ‘3’;
// ]]>

 

Metodo alternativo, con VLC

Forse non tutti lo sanno, ma esiste un metodo per vedere i canali rai streaming con VLC, il popolarissimo media player universale open source disponibile per tutti i maggiori sistemi operativi. Ecco come fare:
  1. Avviare VLC;
  2. Recarsi nel menu Strumenti > Preferenze;
  3. Mettere il segno di spunto accanto alla voce Tutto (collocata nella parte bassa a sinistra della finestra);
  4. Recarsi in Ingresso/Codificatori >Moduli di accesso > HTTP(S), tramite l’elenco collocato nella parte sinistra della finestra;
  5. Sostituire il valore presente nel campo User agent http con Mozilla/5.0 (X11; U; Linux i686; en-US; rv:1.9.0.6) Gecko/2009020911 Ubuntu/8.10 (intrepid) Firefox/3.0.6;
  6. Cliccare sul pulsante Salva.
A questo punto, non vi resta che aprire normalmente con VLC questi link relativi ai vari canali rai streaming (menu Media > Opzioni d’apertura avanzate > Rete):
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: