10 plugin WordPress per creare una Community


Uno dei maggiori punti di forza di un blog è proprio la Community che ci gira attorno, un aspetto molto spesso trascurato dai blogger, che anche scrivendo ottimi contenuti non vedono la partecipazione attiva che vorrebbero da parte dei lettori. Accogliere bene gli utenti, rispondere alle loro domande, accogliere le loro critiche costruttive ed offrire loro contenuti di tutto rispetto è solo una piccola parte di ciò che si dovrebbe fare per coltivare a dovere la nostra cerchia di utenti. Oggi vi presentiamo 10 plugin WordPress che vi aiuteranno nel difficile compito di creare una community.

  1. Featured Content Gallery – Questo plugin è molto utile per mostrare al meglio i nostri contenuti migliori, stimolando così negli utenti una maggiore curiosità verso il nostro blog. Molto ben realizzato e supportato. Integrato di default in diversi temi, anche professionali.
  2. Popularity Contest – Conoscere la popolarità dei nostri post è senza dubbio fondamentale per capire cosa piace di più agli utenti, e regolarsi di conseguenza. E’ perfetto per l’utilizzo in coppia con Featured Content Gallery, visto il compito di quel plugin.
  3. Viper’s Video Quicktags – Molto utile per inserire video, una delle tipologie di risorse più amate dagli utenti. Basta inserire nel pannello di controllo il link del video per vederne un’anteprima e customizzarne molti aspetti, tra cui le dimensioni. Supporta YouTube, Vimeo, Google Video e molti altri.
  4. WPtouch – I dispositivi mobile stanno aumentando a livelli esponenziali la loro diffusione, e non tutti i layout WordPress sono ottimizzati per la visualizzazione su cellulari e smartphone. Con WPTouch sarà possibile risolvere questo problema, permettendo alla nostra community di seguire i nostri post anche dall’ufficio o in una serata tra amici.
  5. Disqus Comment System – Niente scoraggia di più un utente dal commentare di una richiesta obbligatoria di username e password. Allo stesso tempo però ci sono utenti che vogliono identificarsi in maniera facile, per distinguersi meglio dalla massa. Con Disqus Commenti System gli utenti potranno commentare loggandosi con i proprio account Facebook, Twitter, Disqus e OpenID.
  6. Customize Your Community – Qualsiasi community che si rispetti ha dei segni identificativi che la distinguono dalla massa, fidelizzando gli utenti. Con Customize Your Community sarà possibile personalizzare ad esempio le pagine di registrazione e login di WordPress, distinguendo maggiormente il nostro blog dagli altri.
  7. Clicky – A differenza di Google Analytics, Clicky fornisce statistiche di visite e navigazione del sito istantanee, tra cui la funzione “Spy” con cui osservare in tempo reale il comportamento degli utenti sul nostro blog.
  8. Breadcrumb NavXT – Se i vostri utenti, nonostante la grafica del vostro blog vi sembri semplice, si perdono spesso nei meandri delle vostre pagine, il plugin Breadcrumb NavXT vi permetterà di recuperarli mostrando nei punti nevralgici una minimappa del tipo:Home » Katy Perry » Hello Katy Tour » Vita Privata
  9. Advertising Manager – Lavorare per i propri utenti va bene, ma le spese per un blogger sono comunque un problema da risolvere. Ecco quindi che vi viene in aiuto il plugin Advertising Manager, che oltre ad Adsense supporta anche diversi altri circuiti pubblicitari.
  10. WP125 – Non siete soddisfatti dei ricavi pubblicitari del vostro blog? Allora il plugin WP125 fa proprio per voi, mettendovi a disposizione una miriade di opzioni per personalizzare la disposizione dei vostri annunci, il formato, la grandezza e tanto altro.

 

// <![CDATA[// <![CDATA[
function google_ad_request_done(google_ads) {
/*
* This function is required and is used to display
* the ads that are returned from the JavaScript
* request. You should modify the document.write
* commands so that the HTML they write out fits
* with your desired ad layout.
*/
var s = '';
var i;

/*
* Verify that there are actually ads to display.
*/
if (google_ads.length == 0) {
return;
}

/*
* If an image or flash ad is returned, display that ad.
* Otherwise, build a string containing all of the ads and
* then use a document.write() command to print that string.
*/

if (google_ads[0].type == "flash") {

s += '

‘ +
‘ ‘ +
” +
” +
”;

} else if (google_ads[0].type == “image”) {

s += ‘

‘;

} else if (google_ads[0].type == “html”) {

s += google_ads[0].snippet;

} else {

if (google_ads.length == 1) {
/*
* Partners should adjust text sizes
* so ads occupy the majority of ad space.
*/
s += ‘


‘ +
google_ads[0].line1 + ‘
‘ +
google_ads[0].line2 + ‘ 
‘ +
google_ads[0].line3 + ‘
‘ +
google_ads[0].visible_url + ‘

‘;

} else if (google_ads.length > 1) {

s += ‘

‘;

/*
* For text ads, append each ad to the string.
*/

for(i = 0; i < google_ads.length; ++i) {

s += '
‘ +
google_ads[i].line1 + ‘

‘ +
google_ads[i].line2 + ‘ ‘ +
google_ads[i].line3 + ‘ 
‘ +
google_ads[i].visible_url + ‘

‘;

}

}
}

document.write(s);
return;
}

google_ad_client = ‘pub-3847491925495723’; // substitute your client_id (pub-#)
google_ad_channel = ‘9331551239’;
google_ad_output = ‘js’;
google_max_num_ads = ‘4’;
google_ad_type = ‘text_html’;
google_language = ‘it’;
google_image_size = ‘300×250’;
google_ad_region=”test1″;
google_feedback = ‘on’;
google_skip = ‘3’;
// ]]>

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: