Come rimuovere pagine e post suggeriti su Facebook in Firefox e Chrome


Facebook-suggested-posts_-1

Così come ben sapranno tutti gli assidui frequentatori di Facebook, il celebre social network in blu suggerisce, nella parte destra della pagina web, gli amici che potrebbero essere aggiunti alla propria rete e le pagine che potrebbero interessare.

Analogamente agli amici ed alle pagine Facebook cerca di attirare l’attenzione dei propri utenti anche su post suggeriti o sponsorizzati che, diversamente dai primi, vengono piazzati direttamente nel News Feed principale.

Molti utenti ritengono che tale pratica sia decisamente invasiva e fastidiosa ma pur troppo agendo dalle impostazioni di Facebook non è possibile fare assolutamente nulla per annullare o, molto più semplicemente, per limitare la visione di tali post.

Continua a leggere

The Internship, il primo film girato all’interno del campus di Google


the-internship-movie

 

Quello oramai prossimo è senza alcun dubbio un periodo particolarmente ricco di novità cinematografiche relative al mondo dell’IT.

Dell’arrivo al cinema, nei prossimi mesi, delle pellicole dedicate all’ex Ceo di Cupertino,jOBS e Steve Jobs, se ne parla già da qualche tempo a questa parte ma la novità è chedal prossimo 7 giugno in tutte le sale a stelle e strisce sarà disponibile anche The Internship o, per dirla all’italiana, Gli stagisti.

Ma cosa c’entra questo film con Geekissimo e, in linea ben più generale, con il mondo dell’IT? Semplice: The Internship è il primo film dedicato interamente a Google e grazie al quale gli spettatori saranno proiettati, con occhio ironico e divertente, nel mondo di big G.

Continua a leggere

Come creare shortcuts per avviare le estensioni di Chrome da tastiera


Quasi ogni giorno vi presentiamo delle utili estensioni per Chrome, ma abbiamo cercato anche di farvi conoscere tutte le funzionalità del programma ideato da Google. Ormai, quest’ultimo è il browser più amato dagli utenti, anche se molti restano fedelmente ancorati allo storico Internet Explorer. Dopo avervi  mostrato 3 utili funzioni “nascoste”, oggi vogliamo gettare luce su un’altra opzione del browser.

Siete degli utenti che usano tastiera e mouse, oppure tendete a svolgere la maggior parte delle operazioni con la keyboard? In questo caso, sicuramente farete affidamento su moltissime combinazioni di tasti. Se volete attivare un’estensione su Chrome, però, dovrete necessariamente usare il mouse.

Molti di voi sapranno sicuramente che quest’ultima affermazione è del tutto sbagliata: Chrome consente di creare degli appositi comandi per avviare gli add-on installati sul browser da tastiera.

Una grande fetta di utenti Google conoscerà già tale possibilità, ma gli altri che ancora la ignorano, potrebbero rimanere particolarmente sorpresi. Approdate nel pannello delle estensioni di Chrome (opzioni > strumenti > estensioni) e, in basso alla pagina, troverete la voce “Configura comandi”.

Al click si aprirà una finestra che vi permetterà di impostare una specifica combinazione per ogni estensione che avete installato su Chrome. Al fianco dei componenti aggiuntivi ci sarà una riga in cui potrete digitare la scorciatoia che vi consentirà di lanciare il particolare add-on mediante tastiera e non attraverso il mouse.

Successivamente, mentre navigate tramite Chrome, vi basterà premere qualche tasto della vostra keyboard per attivare un’utile estensione. Conoscevate già tale possibilità? Gli utenti esperti di Chrome sicuramente non avevano ignorato questa comoda funzione.

Arriva Google Fiber, Google entra ufficialmente nel settore delle connessioni broadband


Google ha finalmente ed ufficialmente inaugurato Google Fiber, la propria offerta di banda larga annunciata nel 2010, che, d’ora in avanti, consentirà agli abitanti di Kansas City di poter usufruire di un collegamento in fibra ottica a 1 Gbps bidirezionali unitamente a Google Fiber TV, un neo servizio televisivo proposto sempre dal gran colosso di Mountain View.

La città di Kansas City ed i suoi cittadini sono stati scelti da big G tra innumerevoli luoghi sparsi per tutti gli Stati Uniti che, appunto, si erano canditati per poter sperimentare la nuova offerta di Google e che d’ora in avanti potranno quindi testare con man propria le fattezze di un’infrastruttura che risulta decisamente ben più veloce di quella offerta dai tradizionali ISP.

Google Fiber, però, non è soltanto sinonimo di gran velocità per quanto concerne le connessioni ma anche di convenienza poiché gli utenti, d’ora in avanti, potranno sfruttare quanto reso disponibile da big G a prezzi che risultando decisamente competitivi rispetto a quelli propositi invece dagli ISP.

Google, quindi, si è finalmente lanciata in un settore che, così come sottolineato da un dirigente dell’azienda, va a rivelarsi come particolarmente strategico per lo stesso bi G, ed ha scelto di farlo mettendo a disposizione dei cittadini di Kansas City (e presto anche di molti altri, o almeno così dovrebbe essere) ben tre differenti pacchetti tra cui poter sceglire.

Il più caro costa 120 dollari al mese e risulta comprensivo di collegamento a 1 Gbps senza limiti, di un tablet Nexus 7, di un TV Box per i canali televisivi (160 canali) abbinato a un dispositivo per registrare (Storage Box), di un router (Network Box) e di ben 1 TB di spazio su Google Drive.

  Continua a leggere

Come bypassare le applicazioni di news su Facebook con Frictionless


 


Vi è mai capitato di imbattervi in link di testate importanti, come Independent, The Guardian, Yahoo News, The Huffington Post e The Washington Post su Facebook? Probabilmente sì, e probabilmente cliccandoci sopra sarete stati reindirizzati verso la pagina d’installazione di un’applicazione. Questo accade perché molti siti hanno scelto di diffondere i propri contenuti sul social network più famoso del mondo attraverso delleapplicazioni di news e non dei normali feed visualizzabili senza installare sozzerie sul proprio profilo.

Adesso però è arrivato il momento di dire basta. L’utente geek ha il diritto di essere informato senza essere obbligato ad installare delle applicazioni ed è per questo che siamo lieti di segnalarvi Frictionless, una nuova estensione per Chrome realizzata dallo stesso autore di Facebook Disconnect  che permette di bypassare le applicazioni di news su Facebook visualizzando le news direttamente sui siti di origine quando si clicca sui link. Ecco come si usa in dettaglio.

Continua a leggere

Google, il primo store apre a Londra


Sicuramente i fan del gran colosso delle ricerche online ne saranno più che felici e, in maniera particolare, i cittadini della capitale britannica: a Londra, infatti, ha aperto il primo Google Store.

Il punto vendita che, allo stato attuale delle cose, va a configurarsi come una sorta di esperimento, altro non è che un’apposita zona, allestita all’interno di uno shop PC World, in cui gli utenti potranno testare i Chromebook lanciati da Google nel tentativo di fornire una valida alternativa nel settore dei PC portatili e, ovviamente, anche di attirare maggiormente l’attenzione.

In tal modo, quindi, gli utenti potranno individuare pregi e difetti dei Chromebook prima di procedere ad un eventuale acquisto.

  Continua a leggere

Google+, il nuovo social network è ora aperto a tutti


Dopo oltre due mesi di attesa, dopo falsi allarmi e dopo aver ricevuto un ingente quantitativo di richieste da parte della vasta utenza per poter testare le fattezze di quello che, tutt’ora, può essere definito come il “nuovo social network”, Google, il gran colosso delle ricerche in rete, apre i battenti di Google+ rendendolo ora accessibile a tutti, così come annunciato anche mediante la pagina ufficiale del progetto.

D’ora in avanti, quindi, per poter utilizzare Google+ non sarà più necessario alcun invito ma, molto più semplicemente, gli utenti interessanti (e, sicuramente, non pochi) potranno accedervi effettuando una normale procedura d’iscrizione.

In ogni caso la non immediata apertura all’intera utenza del web di Google+ è stata necessaria al fine di implementare e perfezionare tutta una serie di features, per un totale di ben 100 aggiornamenti, che, sicuramente, saranno ben apprezzate ed offrono a G+ la possibilità di spiccare un eventuale passo avanti nella battaglia contro gli altri social network e, in maniera particolare, Facebook.

Mediante gli ultimi aggiornamenti eseguiti Google ha quindi cercato di ottimizzare ed innovare gli oramai celebri videoritrovi di G+ permettendo di servirsene in diretta e trasformandoli quindi in un vero e proprio canale mainstream.

Seguono poi ulteriori updates grazie ai quali viene ora offerta la possibilità di condividere la propria schermata, possono essere creati videoritrovi con nome ai quali vengono poi implementati sketchpad e Google Documenti.

Gli aggiornamenti delle ultime ore, invece, riguardano la disponibilità di API per sfruttare i videoritrovi e rendere disponibili nuove risorse grazie alle quali interagire con la tecnologia in questione e la possibilità di ricercare contenuti e persone direttamente all’intero di Google+.

Infine, l’ultimo grande passo, il centesimo, mette un punto alla fase di test di Google+ rendendo ora il social network una risorsa finalmente accessibile senza limitazioni.