Guida: abilitare la protezione da scrittura sui dispositivi USB


Immaginate questo scenario: in un film (thriller o spionaggio) c’è una spia che collega una chiavetta ad un computer Windows per copiare i dati presenti all’interno del PC sul proprio dispositivo USB. Lo potrà fare normalmente visto che, nella maggior parte dei casi, non ci sono protezioni da scrittura o restrizioni simili.

Certo, è un esempio ironico ma che può far riflettere. A volte è nel migliore interesse di aziende, organizzazioni ed individui proteggere i dati presenti sul proprio PC ed impedirne la copia e il trasferimento verso un’altro drive USB (chiavette o hard disk esterni).

In questa guida vedremo come abilitare la protezione da scrittura sui dispositivi USB che vengono collegati al sistema operativo Windows. Non si tratta di una soluzione infallibile, di certo un modo per aggiungere un ulteriore livello di protezione al computer.

Per abilitare la protezione da scrittura sui dispositivi USB abbiamo preparato due guide, una leggermente complessa (da geek insomma) e una semplicissima e adatta ai meno esperti.

Continua a leggere

Quali informazioni rivela il nostro browser? Scopriamolo con Browser Mirror


I browser Web possono essere più pettegoli e rivelatori di Novella 2000. Forse non tutti lo sanno, ma con un semplice esame dei software che usiamo ogni giorno per navigare in Internet chi è “dall’altra parte” può scoprire tantissime informazioni riguardanti il nostro sistema e la nostra connessione.
Browser Mirror è un simpatico servizio online realizzato dall’azienda produttrice di utility per Internet Central Ops che ci permette di “toccare con mano” questa cosa e di scoprire tutte le informazioni rivelate dai nostri browser durante la navigazione.

Continua a leggere

Quick Disaster Recovery, ripristinare facilmente le funzionalità disabilitate di Windows in seguito all’attacco di virus e malware


Tutti coloro che, purtroppo, si sono ritrovati a dover fronteggiare forti attacchi di virus sul proprio PC, magari anche a causa di una scarsa dose d’accortezza, di certo avranno avuto modo di notare personalmente che, talvolta, alcune funzionalità dell’OS vengono disabilitate, come nel caso dell’utilizzo del task manager, dell’editor del registro di sistema, quello del prompt dei comandi e molto altro ancora.

Al fine di ovviare ad una fastidiosa situazione di questo tipo e, soprattutto, nel caso in cui non ci definissimo propriamente degli “smanettoni” in grado di ripristinare autonomamente le fattezze originarie dell’OS, allora, di certo, un utilissimo e pratico tool quale Quick Disaster Recovery potrebbe risultare una più che valida alternativa da prendere in considerazione.

Continua a leggere

BOOTMGR is missing: come ripristinare l’avvio di Windows 7 quando compare questo errore


BOOTMGR is missing: vi sfidiamo a trovare altre tre parole che, messe una dietro l’altra, riescono a spaventare più di queste l’utente medio di Windows (a parte “oddio, la carta” ma quella è un’altra storia). E sì, perché quando questo infausto messaggio compare nella fase di boot di un PC, il sistema operativo non si avvia e l’utente non può tornare a lavorare finché la situazione non viene messa a posto da qualcuno che “sa dove mettere le mani”.
Una vera seccatura. Soprattutto considerando il fatto che, in realtà, il problema non è gravissimo e si può risolvere con l’ausilio del solo disco d’installazione di Windows 7 (e Vista). In quanto tempo? Cinque minuti. Come? Continuate a leggere e lo scoprirete.
  1. Effettuare il boot dal DVD d’installazione di Windows 7;
  2. Attendere che compaia la schermata di selezione della lingua e cliccare su Avanti;
  3. Cliccare sulla voce Ripristina il computer (in basso a sinistra);
  4. Continua a leggere

Sondaggio