Facebook Messenger approda ufficialmente su Windows 7


Facebook Messenger, il client per la gestione da desktop di tutte le varie attività eseguite su Facebook, è stato reso ufficialmente disponibile per OS Windows.

L’app, resa disponibile dal team del rinomato social network in blu, consente di chattare con i propri amici, di visualizzare le notifiche e di tenere traccia dei feed di notizie, il tutto direttamente dalla propria scrivania virtuale e, di conseguenza, evitando di dover aprire il browser web così come di consueto e così come sicuramente avranno già avuto modo di verificare tutti coloro che hanno sperimentato le fattezze del tester del client trapelato in rete settimane fa.

Il client, comunque, risulta prevalentemente basato sull’utilizzo dei Ticker, il sistema per la gestione dei flussi d’informazione introdotto da Facebook non molto tempo fa, mostrando quindi, uno dopo l’altro, tutti gli aggiornamenti di maggior rilievo facenti riferimento alle operazioni compiute dagli utenti presenti nelle proprie liste amici.

  Continua a leggere

iBrightness: regolare la luminosità dello schermo, e non solo, direttamente dalla system tray


A seconda del tipo e della quantità di luce presente nella stanza in cui ci si ritrova ad utilizzare il proprio PC risulta molto utile, onde evitare l’affaticamento della vista ed altre varie tipologie di fastidi agli occhi, regolare la luminosità dello schermo della postazione multimediale impiegata.

Tuttavia eseguire più vole al giorno e a seconda delle diverse circostanze tale tipo d’operazione potrebbe risultare particolarmente scocciante e portar via, complessivamente, non poco tempo prezioso al proprio operato.

Quindi, al fine di salvaguardare la vista ma, al contempo, anche al fine di ottimizzare le tempistiche relative all’utilizzo del PC potrebbe essere molto ma molto utile sfruttare una risorsa quale iBrightness.

Continua a leggere

Guida: cancellare definitivamente i servizi in Windows 7


La lista dei servizi attivi di Windows è lunga e, in alcune situazioni, comprende elementi mai o difficilmente utilizzati; per evitare di lasciarne attivi e inutilizzati, è possibile disabilitarli, ma anche cancellarli completamente. Si raccomanda la massima attenzione, perchè una volta eliminato, non si potrà più tornare indietro. Con questa guida non vogliamo invitare gli utenti a cancellare i servizi di Windows 7, ma vuole essere d’aiuto per coloro che, nonostante tutte le avvertenze, sono assolutamente decisi a compiere quest’operazione. Detto questo, vediamo come fare!

Continua a leggere

Guida: impedire al mouse di risvegliare un computer in standby in Windows 7


Quando il computer è in standby, avrete notato che muovendo il mouse, questi si riattiva immediatamente; per alcuni utenti, potrebbe essere una scocciatura, soprattutto nel caso in cui si stia utilizzando la scrivania e, distrattamente, si sfiorasse il mouse. Per disabilitare quest’opzione e rendere possibile il risveglio, solamente tramite la pressione di un tasto della tastiera, esiste un piccolo trucchetto che consiste nell’apportare semplicissime modifiche al pannello di controllo. La guida è valida per qualsiasi versione di Windows 7 (Home, Professional e Ultimate) e, naturalmente, con qualsiasi tipo di mouse. Vediamo come fare!

  • Avviate il menù start e selezionate il pannello di controllo.
  • Nella nuova schermata, selezionate, Hardware e Suoni -> Dispositivi e stampanti -> Mouse (se utilizzate la visualizzazione per categoria), altrimenti Mouse (se utilizzate la visualizzazione per icone grandi/piccole).
  • Nella sezione Hardware, vengono elencati tutti i dispositivi di questo tipo, utilizzati dal sistema. E’ vostro compito, individuare quello attualmente in uso (o che utilizzate la maggior parte delle volte), e selezionarlo. Dopo averlo individuato, cliccate Proprietà.

Continua a leggere

ElevatedShortcut, eseguire programmi ed applicazioni in Seven senza visualizzare l’UAC


L’UAC o, per meglio intenderci, il Controllo Account Utente, costituisce un modulo di protezione introdotto a partire dal lancio di Windows Vista che, al fine di garantire un maggior livello di sicurezza, permette di gestire i permessi dei singoli utenti impegnati nell’utilizzo di quella data postazione multimediale onde evitare di incorrere in software poco sicuro e danneggiare l’intero OS o parte di esso.

Tuttavia, molti degli utilizzatori dei sistemi operativi di casa Redmond lamentano la comparsa della finestra relativa al Controllo Account Utente all’avvio di specifici programmi ed applicazioni, risultando dunque un processo piuttosto fastidioso qualora la risorsa in questione risulti effettivamente affidabile.

A tutto ciò, purtroppo, di default, non è possibile rimediare in alcun modo, neanche scegliendo di eseguire sempre e comunque un dato applicativo come amministratore.

Continua a leggere

Windows 7 e VHD: come crearli ed utilizzarli


Benché non sia nulla di sconvolgente, tra le più interessanti novità introdotte da Microsoft in Windows 7 figura sicuramente il supporto completo per gli hard disk virtuali.
Qualora vi fosse sfuggita la pagina 427 del manuale dello smanettone, vi ricordiamo che i VHD (Virtual Hard Disk, appunto) sono dei file aventi la struttura ed i contenuti dei reali dischi fissi e vengono spesso utilizzati dai programmi di virtualizzazione (es: Virtual PC di Microsoft) per conservare sistemi operativi, dati e programmi.
L’utilità di poterli creare, montare, modificare ed utilizzare per il boot senza dover installare software di terze parti è indiscutibile. Proprio per questo, oggi, siamo qui per aiutarvi a muovere i primi passi nel magico mondo dei VHD, vedendo insieme come creare un disco virtuale direttamente da Seven.

Continua a leggere

Windows 7: guida ai servizi. Quali è possibile disabilitare


Ormai è divenuta una vera e propria tradizione. All’uscita di ogni nuova versione di Windows, ogni geek s’ingegna per ottimizzare il sistema che si trova di fronte, un’ottimizzazione che non può prescindere dalla fatidica disabilitazione dei servizi inutili.

 

Di seguito, trovate la lista dei servizi disabilitabili – sempre con la massima cautela – nel neonato Windows 7. La procedura da seguire è sempre la stessa: si clicca sul pulsante “Start“, si digita “services.msc“, si preme il tasto Invio e si fa doppio click su ciascuna voce per cambiare le impostazioni dei relative servizi. Divertitevi!
  • Accesso dispositivo human interface: Serve a far funzionare tasti particolari in scanner, tastiere ecc. Se non ne fate uso potete disabilitarlo senza problemi.
  • Accesso rete: Werve per fare il login in un dominio esterno. Se il vostro PC non fa parte di una rete, potete disabilitarlo.
  • Applicazione di sistema COM+: Se il vostro PC non fa parte di una rete disabilitatelo senza problemi.
  • BFE (base filtering engine): Disabilitatelo solo se non utilizzate il firewall integrato in Windows.
  • BranchCache: servizio che memorizza nella cache il contenuto di rete proveniente dai peer nella subnet locale. Tranquillamente dispensabile su un computer casalingo.
  • Centro sicurezza PC: Se non usate tale funzione, disabilitatelo pure.
  • Condivisione connessione internet (ICS): Se il vostro PC non fa parte di una rete disabilitatelo senza problemi.
  • Continua a leggere